Ciriaco d’Ancona, archeologo, umanista, epigrafista e viaggiatore italiano

Ciriaco Pizzecolli o de’ Pizzicolli, detto anche Ciriaco d’Ancona nacque ad Ancona il 31 luglio 1391 e morì a Cremona nel 1452) è stato un archeologo, umanista, epigrafista e viaggiatore italiano. Per la sua attività di ricerca di testimonianze storiche, realizzata in numerosi paesi del Mediterraneo, nel tentativo di salvare dall’oblio e dalla distruzione le testimonianze del passato, è considerato, anche dai suoi stessi contemporanei, pater antiquitatis, il fondatore o “padre dell’archeologia”.
Oggi è perciò considerato internazionalmente il fondatore in senso generale dell’archeologia, mentre Winckelmann, con la pubblicazione della “Storia delle arti del disegno presso gli antichi”, è considerato il fondatore dell’archeologia moderna.
Ascoltiamo direttamente dalle sue parole ciò che lo animava:

” Spinto da un forte desiderio di vedere il mondo, ho consacrato e votato tutto me stesso, sia per completare l’investigazione di ciò che ormai da tempo è l’oggetto principale del mio interesse, cioè le vestigia dell’antichità sparse su tutta la Terra, sia per poter affidare alla scrittura quelle che di giorno in giorno cadono in rovina per la lunga opera di devastazione del tempo a causa dell’umana indifferenza… ”

Fu uno dei primi a riconoscere il valore delle fonti classiche per l’interpretazione dei monumenti archeologici: è noto che durante le sue ricerche in Grecia aveva sempre con sé, come guida, i testi di Strabone, i quali, tra l’altro, contribuì a diffondere, copiandone i codici scoperti durante i suoi viaggi.

Primo monumento studiato da Ciriaco
Come epigrafista fu inoltre un vero pioniere: tentava di interpretare le epigrafi presenti sugli antichi monumenti consultando le opere dei classici, che ricercava con assiduità nelle biblioteche. L’epigrafia greca e l’epigrafia latina devono molto all’anconitano; Giovanni Battista de Rossi, il noto archeologo ottocentesco disse che l’attività di Ciriaco nel copiare le iscrizioni antiche era compiuta con un’accuratezza tale da essere il merito e la gloria imperituri sul capo di Ciriaco.
Ciriaco per primo studiò e riportò alla conoscenza della cultura europea il Partenone.
Una metopa del Partenone.

In conclusione si può dire che è grande l’importanza delle conoscenze sull’antichità greca e romana che Ciriaco ci ha lasciato in eredità, tanto che si può considerare il maggiore tra gli umanisti quattrocenteschi che svolsero una simile attività di ricerca.

L’opera epigrafica ed archeologica di Ciriaco rimase sostanzialmente insuperata fino alle soglie dell’Illuminismo, quando l’Impero Ottomano cominciò a permettere il ritorno in Grecia e in Asia Minore di eruditi occidentali. Da rilevare anche il contributo fondamentale per il recupero del carattere lapidario romano.

Share:
Previous

L’Anfiteatro Romano di Ancona

Palazzo degli Anziani ad Ancona

Next